Velaterapia e psicologia

regata-trofeo-megale-hellas-1508x706_cVisti i grossi risultati ottenuti negli anni della sua attività Vela Insieme ha deciso, con l’aiuto degli specialisti che collaborano con l’associazione (psicologi e psichiatri) di iniziare a monitorare scientificamente i ragazzi prima, durante e dopo le “vacanze” in barca a vela per studiare i vantaggi della velaterapia. I risultati, alcuni pubblicati ed altri in fase di studio, sono piuttosto sorprendenti ed incoraggianti:

I partecipanti con ritardo cognitivo dimostrano una maggiore capacità di esprimere le proprie emozioni e di impegnarsi per portare a termine con decisione le proprie scelte.

Si evidenzia anche una relazione positiva tra aumento di abilità, consapevolezza dei propri limiti e punti di forza e benessere emotivo. I ragazzi e le ragazze a sviluppo tipico o normodotati al termine del viaggio rivelano di aver sviluppato non solo maggiore tolleranza ma vere e proprie simpatie e affetti nei confronti degli altri compagni “meno fortunati”. Nei giovani dai 20 ai 30 anni si nota una diminuzione della paura e delle sensazioni di rabbia e frustrazione.

Insomma è oramai evidente che la vita in barca a vela per questi ragazzi, altrimenti preclusa visti i costi di questa attività non certo alla portata di tutti, rappresenta un grande passo in avanti verso l’abbattimento di tutte le barriere psicologiche che dividono spesso in modo artificioso due mondi, quello cosiddetto della normalità e quello della disabilità, in realtà molto più vicini di quanto si possa pensare. Una sorta di scuola di vita vera e propria prima che di attività sportiva che fornisce loro un bagaglio che porteranno con sé per tutta la vita e che anzi avranno la possibilità di trasmettere ai loro familiari e soprattutto ai loro coetanei.

In questa intervista il fondatore di Vela Insieme Bruno Brunone ci spiega come sono arrivati negli anni alla decisione di monitorare e studiare gli effetti positivi della velaterapia campo nel quale oramai Vela Insieme è diventata una voce autorevole nel panorama nazionale.

Lascia un commento